CategoriesEnologia

Breve guida alla distillazione casalinga

Brevemente alcune indicazioni generali da seguire per effettuare una corretta distillazione artigianale, magari con un alambicco di nostra costruzione.

Innanzitutto bisogna controllare che l’apparecchiatura sia priva di incrostazioni muffe o residui di precedenti lavorazioni , la pulizia è fondamentale per avere un distillato di qualità. Una volta verificata la pulizia dell’alambicco , si collega il refrigeratore alla tubazione dell’acqua, riempito il refrigeratore si lascia l’acqua scorrere, quindi si prepara la caldaia introducendovi il liquido da distillare  o le vinacce.

kitchen-1484790-639x852Una volta caricata la caldaia, si chiude il capitello, si collega la caldaia al refrigeratore ed infine si accende la fonte di calore possibilmente un fornello a gas che da calore costante.

Quando inizia ad uscire del distillato dal serpentino bisogna tenere sott’occhio l’andamento con il termometro e una provetta di saggio.

Con il termometro bisogna verificare la temperatura dei vapori che si formano all’interno della caldaia: ricordiamo che grosso modo fino a 78,3 c° si producono le teste, fra i 78,4 C° e i 100 C° si produce il cuore, oltre i 100 C° si producono le code.

 

ECCO LE CARATTERISTICHE DELLE VARIE FRAZIONI

TESTA

Ricca di alcool metilico e di acetato di etile, è la prima frazione che sce dal distillatore e ha una gradazione alcoolica di 15-20 C°. va eliminata in quanto alcool metilico e tossico e l’acetato di etile conferisce uno sgradevole sapore al distillato

CUORE

Il cuore rappresenta la parte nobile del distillato e come tale va difeso dalle impurità. Ricco di alcool etilico esso racchiude altre sostanze volatili di pregio che conferiscono aromi caratteristici ai vari distillati.

CODA

In realtà l’inquinamento prodotto sul cuore dalla coda inizia già a 90 C° perché alcuni suoi  componenti vengono trascinati nel distillato nei vapori alcoolici caldi. Un ‘ ebollizione troppa intensa facilita l ‘inquinamento del cuore da parte della coda.

 

Per avere un distillato di qualità testa e coda vanno eliminate, si potrebbero riunire e fare una ridistillazione con la stessa tecnica descritta finora con l’aggiunta di metà acqua ottenendo un prodotto ovviamente di qualità inferiore al primo.

AQUAVITI OTTENUTE PER DISTILLAZIONE DI FERMENTATI

DISTILLATO

Cognac , armagnac, brandy
Grappa
Rum

Tequila
Whiscky
Vodka
Gin

MATERI A PRIMA

Vino

Vinacce, vinelli
Canna da zucchero

Linfa di Agave, jucca
Orzo, avena
Frumento e patate
Frutta e cereali

Con bacche di ginepro

PAESE D’ORIGINE

Francia , Italia, Spagna

Francia , Italia, Spagna
Centro America, Madacascar
Messico
GranBretagna,  Irlanda
Russia e polonia

olanda

GRADO ALCO % VOL

40 – 55

42 – 57   
45 – 60

40    
42 – 50      
40 – 50
  

40 -47                         

3 Comments

  1. Distillare una seconda volta ( rettificazione) serve ad ottenere un distillato di qualità superiore libero da impurità della prima lavorazione. Inoltre al primo distillato da rettificare non serve aggiungere acqua in quanto solitamente gia presente in percentuale dal 40 al 50%.

    1. Grazie per le tue puntualizzazioni Massimiliano. Proveremo per le prossime volte a fare come tu dici. A presto e continua a seguirci.

  2. interessante ma bisognerebbe approfondire di piu i singoli argomanti, tecniche iniziali ” per principianti ” comprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.